Cure fangoterapiche

Fangobalneoterapia

fangoterapia

FANGOBALNEOTERAPIA

Il Fango utilizzato nel nostro stabilimento si compone di un elemento solido (argilla) di uno liquido (acqua salso-bromo-iodica) e di uno biologico (microrganismi).
Si presenta come una poltiglia grigio scuro formata da limo finissimo, caldo ad una temperatura da 60 a 70°C e lento a raffreddarsi.

Gli effetti biologici e terapeutici sono riconducibili ai seguenti elementi: Azione antinfiammatoria, Azione analgesica, Azione miorilassante, Azione eutrofica, Azione di stimolo su numerosi processi metabolici, Effetti sulla cenestesi generale.
I fanghi salso-bromo-iodici trovano un’indicazione primaria nel vasto campo delle affezioni dell’apparato locomotore e indicazioni sicure in molte patologie di altri organi e apparati.

La fangoterapia è indicata per le seguenti patologie:

cure-fangoterapiche

 

OSTEOARTROSI: artrosi diffuse, cervicoartrosi, lomboartrosi, artrosi agli arti, discopatia senza erniazione e senza sintomatologia da irritazione o da compressione nervosa, esiti da interventi per ernia discale, cervicalgie di origine reumatica, periartriti scapolo-omerali (escluse le forme acute), artrite reumatoide in fase di quiescenza, artrosi, poliartrosi, osteoartrosi, esiti di reumatismi articolari, periartrite, spondilite anchilopoietica, spondiloartrosi, spondilolistesi


OSTEOPOROSI
REUMATISMI EXTRA – ARTICOLARI: reumatismi infiammatori (in fase di quiescenza ), fibrosi di origine reumatica, tendiniti di origine reumatica, lombalgie di origine reumatica, fibrositi, fibromiositi

 

Servizi correlati alla Fangoterapia

fangoterapia

BALNEOTERAPIA: la balneoterapia termale, utilizzando le acque minerali terapeuticamente attive, associa alle proprietà fisiche (aspecifiche) gli effetti biologici e terapeutici esercitati dai mineralizzatori che rendono ogni acqua minerale una soluzione a composizione chimico-fisica peculiare.

IDROMASSAGGIO: costituisce una particolare metodica massoterapica che sfrutta la pressione esercitata da getti d’acqua termale, come scaturisce dai pozzi. Vengono utilizzate a tale scopo vasche dotate di bocchette multiple dalle quali l’acqua mista ad aria esce a pressione sufficientemente elevata e comunque regolabile secondo le necessità.
I getti sono opportunamente orientati dalla pianta del piede al torace per favorire la circolazione sanguigna di ritorno.

GROTTATERAPIA: la grotta è un ambiente in cui sgorgano all’interno acque termali, saturato da vapori prodotti dall’acqua termale ad una temperatura di 45°C, con una percentuale di umidità relativa del 98 – 100%

MASSAGGI GENERALI: la massoterapia viene effettuata solitamente dopo la terapia del fango, consiste in un massaggio terapeutico generale della durata di venti minuti

Share by: